Colori Sognanti

Home » 2016

Yearly Archives: 2016

Annunci

L’arte del Secolo

libro10_1

Movimenti, teorie, scuole e tendenze
1900 – 2000

Un piccolo vademecum e un manuale tascabile che funge da primo intervento per una introduzione al mondo delle arti visive dal 1900 al 2000, nato dal suggerimento del gallerista Giorgio Marconi alla storica d’arte Loredana Palmisani partendo dal presupposto che il medio visitatore di gallerie che propongono opere di correnti ed artisti moderni e contemporanei poco conosce i codici delle idee generatrici di queste opere e di conseguenza la comprensione dei vari momenti storici diventa per lui difficile se non arbitraria.

(altro…)

Annunci

I Principi fondamentali del disegno artistico

copertina
Questo manuale di disegno ha per me un valore particolare perché è stato un regalo a sorpresa della mia dolce ed amata Fabiana. Si tratta secondo me di un prodotto veramente valido in grado di fornire tutte quelle nozioni necessarie sia al neofita che intende avvicinarsi al disegno per la prima volta sia a coloro che già si cimentano con questa tecnica.
(altro…)

Realizzare un disegno di paesaggio fantastico a sanguigna

FinaleIn questo articolo provo a illustrarvi come eseguire un disegno di media-alta complessità con la tecnica della sanguigna secca.
Rimandando ad un’altra volta l’approfondimento su questa tecnica (che io amo molto) mi limito qui a dirvi che esistono fondamentalmente in commercio due diversi tipi di  sanguigne:

secche: sotto forma o di barrette (a sezione tonda o quadrata) o matite sono costituite da polvere di pigmento pressata. Il segno che si ottiene è più difficile da controllare (abbastanza ruvido) e le punte si smussano rapidamente però permette di essere sfumato. In ogni caso il tono del segno rimane più intenso.
grasse (ad olio): sotto forma di matite hanno un pigmento unito insieme ad un legante che le fa assomigliare vagamente ai pastelli a cera. Si possono tenere più appuntite e ottenere segni più netti e maggiori dettagli, tuttavia sono più difficilmente sfumabili ed il loro tono rimane più spento.

In questo disegno ho utilizzato diversi tipi di sanguigne secche. Va detto che questa non è la tecnica più ortodossa (in genere si dovrebbe lavorare con un’unica sanguigna realizzando un disegno monocromatico), provate e giudicate poi voi.

(altro…)

HENRI MATISSE: l’intervista perduta

libro9Titolo del libro:                 Henri Matisse: l’intervista perduta
Autore:                               Serge Guilbaut (a cura di)
Casa Editrice:                   Skira
Anno edizione:                   2015
Formato:                             21 x 14,2 cm
Tipo copertina:                   morbida
Numero pagine:                  261
Illustrazioni:                        NO
Prezzo:                                18 €

Nota iniziale: spero di non incorrrere nelle ire della casa editrice se ho riportato alcuni pASsaggi tratti direttamente dal libro al fine di aiutare i lettori a farsi una valida idea dello stesso come se lo sfogliassero in libreria, questo al fine di promuoverlo positivamente senza nessun scopo di lucro. (altro…)

I pennelli

I pennelli:
I principali tipi e i tratti ottenibili

 

In questo breve articolo proviamo a parlare dello strumento fondamentale per chi desideri cimentarsi con la pittura ad olio: i pennelli.
Un pennello è formato da manico, ghiera e fibre. La sua scelta è sempre delicata e pone spesso dubbi sul tipo da scegliere.

(altro…)

La tavolozza dei colori

La tavolozza dei colori
articolo2_16

In questo breve articolo proverò a parlarvi della tavolozza dei colori, uno degli strumenti che dovrete utilizzare per cimentarvi con la pittura ad olio.
Ricordo sempre che mi rivolgo non a persone già esperte ma a coloro che sono alle prime armi, fornendo delle informazioni tratte sia da manuali di pittura in mio
possesso sia dalla mia esperienza pratica. Starà poi a voi procedere secondo le vostre esigenze personali e le vostre necessità. (altro…)

Una modifica del cavalletto

suggerimento1_2copiaUN UTILE SUGGERIMENTO SUL CAVALLETTO

 

 

Diversi anni fa ho visitato a Firenze insieme alla mia dolce compagna Fabiana una bellissima mostra incentrata sui pittori impressionisti.
In una sala erano mostrati alcuni “strumenti di lavoro” tipo le cassette originali dei colori o i cavalletti da campo di alcuni maestri. Tra questi ultimi ho notato un utilissimo adattamento che aveva permesso all’artista di avere un piano di appoggio davanti a sè per la tavolozza senza doverla continuamente tenere con il braccio sinistro.
Se come me possiedi un cavalletto da studio in casa o pensi di acquistarlo (è davvero molto comodo) ti mostro come crearti un pianetto dove appoggiare la tela mentre dipingi (io trovo molto comodo ovviamente averla davanti a me e non sul tavolo di fianco).
(altro…)